Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento

Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento - Damiano Palano | Rochesterscifianimecon.com

...e folle, Massa, ... Buy Il potere della moltitudine ... Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio ... ... . L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento by Damiano Palano (ISBN: 9788834309377) from Amazon's Book Store. Everyday low prices and free delivery on eligible orders. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento (Vita e Pensiero, Milano, 2002, pp. 602) and Geometrie del potere. Materiali per la s ... Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio ... ... . 602) and Geometrie del potere. Materiali per la storia della scienza politica italiana (Vita Tra i suoi lavori, Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane fra Otto e Novecento (Milano 2002); Geometrie del potere. Materiali per la storia della scienza politica in Italia (Milano 2005); Frammenti di potere. Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento, Milano, Vita e Pensiero, 2002 (pp. 602). Milano 2002 Damiano Palano. Damiano Palano è professore ordinario di Filosofia politica e insegna Scienza politica presso la Facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell'Università Cattolica. Tra i suoi lavori: Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane fra Otto e Novecento (Milano 2002); Geometrie del potere. Nel corso del V secolo a.C., diversi studiosi (in particolare medici) cercarono di trovare delle risposte ai vari interrogativi sulla natura umana. Un'eredità che non poteva essere trascurata ... Scienze politiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Tra i suoi libri recenti: Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane fra Otto e Novecento (Milano, Vita e Pensiero, 2002); Geometrie del potere. Tra i suoi lavori, Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento (Milano 2002); Geometrie del potere. Materiali per una storia della scienza politica in Italia (Milano 2005); Frammenti di potere. Scienze politiche. Ricerche", nella quale sono stati ospitati fino a ora i seguenti titoli: Damiano Palano, Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento, 2002. Damiano Palano, Geometrie del potere. DAMIANO PALANO: tutti i Libri scritti da Damiano Palano in vendita online su Unilibro.it a prezzi scontati.Acquistare su Unilibro è semplice: clicca sul libro di Damiano Palano che ti interessa, aggiungilo a carrello e procedi quindi a concludere l'ordine Prossime uscite LIBRI di Damiano Palano in Libreria su Unilibro.it: 9788826500065 Le forme del potere Scopri La democrazia senza qualità. Le «promesse non mantenute» della teoria democratica di Damiano Palano: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon....

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Damiano Palano
DIMENSIONE
7,96 MB
NOME DEL FILE
Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento.pdf

DESCRIZIONE

Cosa muove l'imprevedibile azione delle 'masse' e quali sono le motivazioni profonde che in alcune, eccezionali stagioni spingono gli individui a compiere atti eroici completamente disinteressati o crimini efferati, all'apparenza del tutto irrazionali? Ciclicamente riproposto dalla storia e dall'attualità, questo interrogativo fu al centro di una breve ma prolifica stagione teorica che, nel clima dell'Italia 'fin de siècle', salutò l'avvento dell''era delle folle'. Sebbene la fama della psicologia delle folle sia legata soprattutto al nome di Gustave Le Bon, pionieri di quella effimera ma tutt'altro che irrilevante avventura intellettuale furono alcuni studiosi italiani raccolti attorno alla contestata figura di Cesare Lombroso. L'indagine qui proposta ricostruisce per la prima volta in modo completo le modalità con cui essi iniziarono a interpretare i fenomeni di conflitto sociale e politico come testimonianze di reversioni atavistiche, e le tappe che diedero origine alla teoria della 'fermentazione psicologica', di cui Scipio Sighele avrebbe tratto le conseguenze. Armati di un bagaglio teorico nel quale si fondevano antropologia, psichiatria, sociologia e teoria politica, questi autori cercarono di spiegare l'origine inconscia del potere delle moltitudini, fornendo risposte che, per quanto possano apparire datate, esploravano questioni decisive, purtroppo trascurate dalle odierne scienze sociali. Gli psicologi di fine Ottocento riconobbero infatti la realtà e l'importanza di quella dimensione dell'agire collettivo non riconducibile alla razionalità strumentale, e intuirono che si trattava di un legame controllabile e disciplinabile, ma di fatto ineliminabile e capace di sconvolgere il ferreo ordine della civiltà. Ricostruendo un itinerario che, dalle prime raffigurazioni romanzesche dei tumulti, giunge alle ipotesi di Ferri, Sergi e Sighele, al fitto dibattito con gli esponenti francesi della disciplina e, infine, alle sintesi di autori minori come Paolo Orano e Pasquale Rossi, Damiano Palano mette in luce come tali autori, lungi dal tradire il puro sgomento per l'avvento delle masse, delineassero una comune strategia interpretativa dell'azione politica e, più precisamente, della 'politica assoluta'. Raffigurando nella folla l'estrema e totale minaccia all'ordine politico europeo e riconducendo i moventi delle sue azioni alle profondità misteriose dell'inconscio, la psicologia collettiva costruiva una precisa immagine delle logiche del conflitto. In altre parole, 'inventava' quella figura ambivalente dell'inconscio collettivo cui il Novecento avrebbe guardato con orrore e con attrazione.

Ti piacerebbe leggere il libro?Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Damiano Palano. Leggere Il potere della moltitudine. L'invenzione dell'inconscio collettivo nella teoria politica e nelle scienze sociali italiane tra Otto e Novecento Online è così facile ora!

LIBRI CORRELATI