Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940

Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940 - Annemarie Schwarzenbach | Rochesterscifianimecon.com

... il tempo perché lo sguardo spazi sulle cime che, a poco a poco, mentre la strada si arrampica sempre di più, si rivelano in tutta la loro imponente bellezza ... Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939 ... ... . L'altopiano del sud, Afghanistan - Scopri le nostre schede su attrazioni, luoghi di interesse ed elementi curiosi della destinazione Afghanistan Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940. L' agire educativo tra natichità e mondo moderno. Parlo svedese. La cortina di bambù. La Cina nei reportages italiani della seconda metà del Novecento. Guareschi. Buona la prima! Politica, costume e strava ... Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940 ... . Parlo svedese. La cortina di bambù. La Cina nei reportages italiani della seconda metà del Novecento. Guareschi. Buona la prima! Politica, costume e stravaganze sul set di Don Camillo. Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940; Il piccolo camaleonte e i colori; E l'amore bussò. La serie dei desideri; Mara la fatìa. Storie di pizziche, tarante e tarantelle. Con CD-Audio; Sulmona. Guida storico-artistica alla città e d'intorni; Swamp Thing. Vol. 1; La zuppa dell'orco; Edili artigiani; Mobile learning. Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940. Autore Annemarie Schwarzenbach, Anno 2014, Editore Il Saggiatore. € 15,00. 24h Compra nuovo. Vai alla scheda. Aggiungi a una lista + Storia militare dell'Afghanistan. Autori Giorgio Battisti, Federica Saini Fasanotti, Anno 2015,...

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Annemarie Schwarzenbach
DIMENSIONE
5,37 MB
NOME DEL FILE
Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940.pdf

DESCRIZIONE

Inquieta, androgina, nomade in fuga da se stessa, icona eterea e trasgressiva: Annemarie Schwarzenbach è tutto questo, un romantico Ulisse senza Itaca. In un nefasto 1939, lasciandosi alle spalle un'Europa sull'orlo della guerra e l'amore tormentato con Erika Mann, Annemarie prende la via dell'Oriente a bordo di una Ford con l'amica scrittrice Ella Maillart. Due donne sole scoprono l'Afghanistan, un paese ai confini del mondo dove il tempo è rarefatto e brevi tragitti diventano peregrinazioni di giorni interi. Annemarie racconta quello che vede e sente in un quaderno di viaggio che lascia stupiti per la sua incredibile modernità: quei paesaggi scomparsi, distrutti dalle recenti guerre, dilaniati dalle tensioni etniche, attraverso le parole di Annemarie si mostrano ancora nella loro purezza, in un riverbero di colori polverosi, sguardi profondi, voci lontane. Prende forma un viaggio che è dura scuola di vita, abitudine all'incontro e alla perdita, apertura all'altro e alla parte più in ombra di se stessi. Dalla Turchia alla Persia, fino agli altopiani afghani, Annemarie si interroga sulla condizione delle donne col chador, si ferma a bere il tè nelle tende giallo ocra delle tribù pashtun, attraversa tempeste di sabbia e deserti di cardi. Nomi come Pamir, Hindu Kush e Mazar-i-Sharif, molto più che indicazioni geografiche, nel suo taccuino divengono suono e colore, ricordo e mistero.

Ti piacerebbe leggere il libro?Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940 in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Annemarie Schwarzenbach. Leggere Tutte le strade sono aperte. Viaggio in Afghanistan 1939-1940 Online è così facile ora!

LIBRI CORRELATI