Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709)

Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709) - Roberta Piccinelli | Rochesterscifianimecon.com

...le ("città di Carlo") nel nord-est della Francia sulle sue terre di Rethel e che diventerà capitale del suo principato ... Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima ... ... .Nel 1624 fondò l'Ordine della Milizia Cristiana, il cui scopo era di alleare i ... Paolo Carpeggiani alle 17 apre il ciclo di conferenze alla Madonna della Vittoria Continuano gli appuntamenti del ciclo "Voci della cultura mantovana" che riportano il pubblico ai secoli aurei della civiltà italiana, con Mantova, fervida e splendida, tra i protagonisti ... Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709) Roberta Piccinelli. EDI ... Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la "superbissima ... ... ... Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709) Roberta Piccinelli. EDIFIR 2009. ... (5%) Venduto e spedito da IBS. Disponibile in 10 gg. Salvato in 2 liste dei desideri Gonzaga: carteggio Milano e Mantova (1563-1630) Roberta Piccinelli. Silvana 2004. Libri ... Catalogo Generale; Catalogo Pitti Immagine; Eventi e Manifestazioni; Novità Editoriali - News; Photogallery...

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Roberta Piccinelli
DIMENSIONE
5,31 MB
NOME DEL FILE
Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709).pdf

DESCRIZIONE

Cosa accadde a Mantova dopo il sacco del 1630 e quali strategie politiche e culturali attuarono Maria e il figlio Carlo II Gonzaga Nevers per "restituire in pristino l'antica superbissima Galena di Mantova" dopo la funesta vendita del 1627-1628? Il volume parte da questi interrogativi per ricostruire, attraverso numerosi documenti inediti - inventari e corrispondenza di corte le scelte artistiche, le dinamiche collezionistiche e la committenza degli ultimi tre duchi della famiglia Gonzaga Nevers di Mantova. Maria, Carlo II e Ferdinando Carlo cercarono di muoversi sapientemente sui mercati italiani, supportati da una fitta di rete di agenti, sensali e intermediari, per acquistare o commissionare opere d'arte che sarebbero servite per arredare gli ambienti di Palazzo Ducale e delle sontuose residenze extraurbane, tra cui Maderno (sul lago di Garda), Marmirolo, la Favorita e Porto. Carlo II fece realizzare apparati decorativi stabili e acquistò oltre cento statue della collezione Contarini-Ruzzini di Venezia, numerosi dipinti di Paolo Veronese. Guercino, Guido Reni, Bernardo Strozzi, Van Dyck e questi sono solo alcuni nomi documentabili con certezza attraverso l'inventario del 1665, che descrive 4.500 oggetti della collezione ducale. La quadreria venne in seguito arricchita anche da opere di pittori di corte, tra cui Frans Geffels e Giovanni Benedetto Castiglione (il Grechetto), che insieme al figlio Giovanni Francesco e al fratello Salvatore, lavorò stabilmente, dal 1657 per i Gonzaga.

Ti piacerebbe leggere il libro?Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709) in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Roberta Piccinelli. Leggere Collezionismo a corte. I Gonzaga Nevers e la «superbissima galeria» di Mantova (1637-1709) Online è così facile ora!

LIBRI CORRELATI